Intervista a Teorema

Teorema: un nome che apre a diverse interpretazioni, una molteplicità di donne diverse, ognuna con le sue sfaccettature, ognuna un colore della stessa tavolozza, volta a completare un quadro d’artista. Chi è dunque “Teorema”?

Teorema è il contenitore di quelle tante “donne che vivono dentro me”, vive dipingendo tutto ciò che la donna nella sua quotidianità riceve in chiave emozionale… non a caso ho detto più volte che osservando le mie creazioni, nel corso degli anni, si può leggere chiaramente, non un percorso artistico, ma una vera biografia di vita.  All’interno dei miei miei lavori si cela un’ intera esistenza, e spesso queste opere mi hanno aiutata ad esorcizzare i momenti più difficili e là dove non vi sono lavori che denuncino emozioni importanti, sono andata con la memoria a ritroso, per materializzarli, come fatto, ad esempio, ne il “Progetto Infanzia”, un progetto appunto, basato su di un’età fanciullesca, ma realizzato quando ormai dell’infanzia vi era rimasto solo il ricordo. Teorema nel quotidiano compra i fagioli al supermercato: la donna vorrebbe cucinarli, ma l’artista spesso prende il sopravvento e ne fa un’opera. Queste facce della stessa medaglia, ovvero la donna e Teorema, le ho rese amiche e complici di vita, per questo, quando amo e soffro nella mia esistenza, lo faccio in modo estremo e senza alcuno sconto emotivo.

Essere un artista: una pittrice moderna ed esserlo in Italia, un Paese che affonda le sue radici in un passato pieno di artisti immensi, in una nazione che è stata per secoli la culla della cultura e della civiltà. In quest’ottica com’è il tuo rapporto con il pubblico?

Insostituibile. Spesso diviene quel colore che non ho sulla mia tavolozza, indispensabile per terminare un’opera, come ad esempio in una performance, dove il pubblico diventa co-protagonista.  Dal mio pubblico assorbo tutto, anche l’ indifferenza: nelle mie opere trascrivo sia gli sguardi che ho ricevuto, sia quelli di coloro che non mi hanno vista.

Le gioie e i dolori del rapporto fra artista e realtà, come viene percepita la tua particolare arte e cosa significa realizzare delle performance?

Utilizzo la Performance come un inciso del mio operato “artigianale”, pittorico grafico o di installazione. In Italia è stato molto arduo durante i miei primi vent’anni di lavoro, presentare una performance senza rischiare di non essere compresa, spesso perchè mi trovavo di fronte ad un pubblico non preparato. Nel corso degli anni ho tratto forza da quella sorta di “impreparazione”, e oggi posso annoverare fra i miei estimatori anche persone “non addette ai lavori”, ma certamente ricche di intelletto e munite di una forte sensibilità. È indubbio che quando si parla di arte non tradizionale ci si trovi spesso davanti ad un muro. L’Italia è ricca di opere d’arte classiche, spesso dimenticate, e sono i turisti che il più delle volte ci ricordano le “nostre” meraviglie. Il possedere tutte queste opere, averne tante e sempre a disposizione, può essere un’arma a doppio taglio: non permette la ricerca dell’arte, non stimola a creare e creare ancora. Troppo spesso, il nostro popolo non ha mai visitato un museo o è mai stato in una città storica. C’è da sottolineare che, a mio avviso, internet in questo caso non aiuta, anzi l’avere una “cultura artistica” così vicina, non permette di toccarla con mano. In altri paesi del mondo, non avendo una “tavola imbandita” d’arte, suddivisa per qualità e quantità, ci si spinge maggiormente alla ricerca, investendo, e conseguetemente dando più spazio anche all’arte contemporanea e a quelle espressioni artistiche insolite, come possono essere, appunto, le performance. Si potrebbe dire che in Italia esiste “tanto di quel bello”, che del bello ci siamo dimenticati.

Come nasce ” Teorema” e perché?

Il mio “nom de plume” nasce da una provocazione verso me stessa, ho deciso di ribattezzarmi “Teorema” all’inizio della mia carriera artistica e con me stessa ho stretto un patto: quando sarò riuscita a realizzare quella che a mio giudizio sarà una vera opera d’arte allora avrò sciolto in nodo e avrò dimostrato il mio Teorema.

L’arte e la pittura come forme di comunicazione che nascono dal profondo: il tuo “io” che parla e si esprime al mondo.

Penso che quando si parla di arte ci voglia tanta umiltà: l’arte è sacra e come tale va trattata. È chiaro che ogni essere umano utilizzi i mezzi più vicini a sè per dialogare e confrontarsi con il mondo circostante. Io personalmente ritengo che l’espressione pittorica, piuttosto che quella grafica, non abbia nulla da invidiare ad una qualunque forma di linguaggio comune, ma anzi rappresenti un valore aggiunto di comunicazione; come ha sostenuto un abile studioso della psiche umana, il dott. Paolo Cogorno, nella presentazione di una mia mostra: “le opere d’arte non dobbiamo leggerle come dei monologhi dell’artista, ma il pubblico si deve sentire fruitore e lo stesso pubblico può creare un processo artistico utilizzando l’opera d’arte per divenire lui stesso artista del suo pensiero”. Utilizzo la pittura per comunicare e non potrei mai utilizzare per sempre una sola espressione tecnica, questa è la vera ragione per cui suddivido il mio operato in Progetti completamente differenti tra loro (ne sono esempio il “Progetto Spaziale”, il “Progetto Arlecchino” e il “Progetto Donna Oggetto Soggetto”), sebbene ogni opera sia contraddistinta da un filo conduttore, un elemento comune: un pallino o una grossa palla che non dimentico mai di inserire all’interno di una creazione.Questo potrebbe far pensare che non abbia ancora trovato un mio stile d’espressione: la verità è che ne ho trovato più d’uno.

Il tuo rapporto con l’arte segue le stesse tappe di un qualuque rapporto d’amore “classico”: il corteggiamento, il fidanzamento e il matrimonio. Cosa simboleggiano queste fasi?

Come anticipai nel 2011 nel corso di un’intervista per la rivista “EquipeCo”, sono figlia d’arte e come tale ho vissuto alcune disaventure nella mia esistenza che ho trasformato in creatività. Dopo aver partorito la performance ” Teoremino”, che rappresentava un bimbo alieno giunto sulla terrra a per ricordare al mondo la sua sensibilità, correlato al “Progetto Spaziale” e dopo molte partecipazioni televisive nel corso degli anni, ho deciso di proclamare quel periodo come un fidazamento ufficiale con la mia arte. Oggi, dopo venticinque anni dalla mia prima mostra, credo sia giunto il momento di sposarmi, coerente con quanto è stato il mio percorso artistico.

La biografia di Teorema è qui.

Adesso parte la vita di coppia, quella vera…

Si da qui nasceranno i figli di questa unione ormai “matura” e attendo delle belle creature… in fondo, io e l’Arte, ci siamo amati per venticinque anni e non potrà che essere così.

La performance artistica “Teorema sposa l’Arte” avrà luogo presso l’Arte Fiera di Genova, il 14 febbraio 2015, alle ore 18.00.

Nel corso dell’evento interverrano il Prof. Giorgio Grasso e la Dott.ssa Mattea Micello – Per info: www.artegenova.comwww.teoremart.com

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *