Racconti brevi: “Le tue forze”

L’uomo camminava sopra uno specchio d’acqua, increspando il sottile velo ad ogni suo passo. Si fermò ad osservare la propria immagine, tremolante in infiniti cerchi danzanti, fino a che la quiete non restituì l’integrità alla figura riflessa. Neppure il vento osava più deturpare il dipinto disegnato dall’unione di innumerevoli gocce d’acqua. L’uomo rimase immobile per tempo indefinibile, poi, raccolte tutte le proprie forze, riprese la marcia sul sentiero d’acqua, miracolosamente senza più incresparne la superficie, e così proseguì il proprio cammino.

Ci vorranno tutte le tue forze per mantenere salda e nitida l’immagine del tuo spirito, la tua essenza; e quando sentirai l’energia mancare, allora stringerai i pugni, sentendo nuova linfa pulsare nelle tue vene, correre lungo le tue tempie, incendiando il tuo cuore e innalzando il tuo spirito oltre cieli irraggiungibili.

(In sottofondo: Savatage – Believe)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *