Poesie: “Mattanza”

E’ un giorno qualunque

di sole e di mare,
gabbiani e salsedine
di speranze e illusioni

è un giorno che chiama
la ciurma al risveglio
di un atteso maggio
sognato e voluto

si affretta la partenza
di bastarde stanche
in processione lenta
verso il rito antico

solenne avanza sull’onde
di un mare discreto
che odora di vento
di nuvole e terra

aspetta impaziente
la ciurma schierata
sotto un pigro sole
che appare all’orizzonte

si appressa la mattanza
l’ansia segna i volti
il rais dallo sguardo attento
comincia a pregare:

Ave Maria…
Credo…
Pater Noster…
………………
Sant’Antoniu
Cu ne desbarasse u camin
e cu n’asciste in te nostre operasuin

S. Giorgiu cu ne libere dai pesci cattii

S. Gaitan cu ne mande da Pruvvidensa
“onu che u l’ha i pigoèggi”

S. Pe’ cu ne mande na bugna pesca
………………
Pater Noster… per le anime del Purgatorio
Pater Noster… per i Santi protettori
………………
in nome de Diu molla…

Nello Farris

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *